Le distanze nelle costruzioni

Details-Step-4-4

Vi sono dei limiti che la legge impone a tutte le proprietà private , nell’interesse di proprietari vicini per evitare danni alle costruzioni , tutelare l’igiene e la salubrità dell’ambiente nonché l’ordine pubblico. Scopriamo assieme quali sono.  Continua a leggere “Le distanze nelle costruzioni”

La sopraelevazione, quando si può e quando no

Schermata 2017-02-03 alle 18.13.33.png

Rendere la propria casa più grande, aggiungendo della superficie utile fa sempre comodo. Spesso si possono aggiungere degli ambienti recuperando spazi inutilizzati come ad esempio i sottotetti. Chi non dovesse possedere un sottotetto, ma abita in villa o all’ultimo piano di un edificio , può guadagnare più spazio realizzando una sopraelevazione. Esistono però dei limiti e dei divieti. Scopriamo assieme tutto sull’argomento.

Continua a leggere “La sopraelevazione, quando si può e quando no”

LUCI E VEDUTE: COSA SONO E QUALI DISTANZE

schermata-2017-01-03-alle-17-35-48

Le caratteristiche generali delle “luci” e delle “vedute” sulla facciata di un palazzo: definizioni e distanze, ovvero tutto quello che c’è da sapere prima di aprire una finestra sul fondo altrui.

Continua a leggere “LUCI E VEDUTE: COSA SONO E QUALI DISTANZE”

Il verbale di un’assemblea condominiale è falso. Che fare?

assemblea

Cosa succede se nel verbale di un’assemblea condominiale sono riportati errori o falsità? Che si può fare in caso di errori nella trascrizione del verbale? E’ possibile agire in sede penale? A questi ed altri quesiti rispondiamo nell’articolo che segue.

Continua a leggere “Il verbale di un’assemblea condominiale è falso. Che fare?”

La responsabilità del dentista

dentist

La responsabilità dei medici dentisti alla luce delle nuove regole introdotte nel nostro ordinamento. Cosa fare in caso del mancato raggiungimento del risultato richiesto?

Continua a leggere “La responsabilità del dentista”

Ecco come difendersi dai vicini rumorosi

Rumori

 

Molto spesso si è costretti a tollerare le conseguenze di abusi dettati dalla prepotenza dei vicini i quali partono dal presupposto errato che nella propria casa si possa fare ciò che si vuole.

Ragioni di etica , igiene e buona educazione impongono , però, di proibire determinate attività che possano disturbare i vicini .

 

Infatti, il suono di un pianoforte, gli schiamazzi, le urla, il passare l’aspirapolvere ad orari notturni, la radio e la tv a tutto volume, il rumore dei passi, gli animali, diventano immissioni acustiche moleste se eccedenti la c.d. normale tollerabilità, come previsto dall’art. 844 cod. civ.

Il criterio della normale tollerabilità delle immissioni rumorose, non essendo determinato dalla legge, può definirsi come il grado d’intensità di propagazione della molestia con riferimento alle ripercussioni di chi deve subirlo: esso è , quindi, un criterio pratico che non consente regole assolute, dovendosi sempre aver riguardo alle condizioni di tempo, luogo e persona.

 

La valutazione dei limiti di tolleranza deve farsi caso per caso obiettivamente, prendendo come riferimento un criterio comparativo consistente nel confrontare il Continua a leggere “Ecco come difendersi dai vicini rumorosi”

Lavori straordinari : ecco cosa bisogna sapere

lavori

Qualsiasi edificio ha bisogno di interventi periodici indispensabili che lo mantengano in perfetta efficienza.

Può capitare, però, che alcuni lavori siano caratterizzati dall’eccezionalità a causa della loro imprevedibilità o per la rilevanza economica.

Che differenza c’è  , quindi, tra lavori ordinari e straordinari?

Partendo dal presupposto che non è sempre facile stabilire, nel caso concreto, quando si tratta di piccola manutenzione, di manutenzione ordinaria o straordinaria, tuttavia possiamo affermare che le spese ordinarie e straordinarie rientrano sempre nel campo delle spese necessarie.

Perciò i lavori di ordinaria manutenzione sono quelli che , per la naturale deteriorabilità dell’edificio , si rendono necessari per il perfetto uso e godimento del condominio stesso , come ad esempio la riparazione del cancello elettrico rotto o dei citofoni che non funzionano oppure la sostituzione delle lampadine nelle parti comuni.

La manutenzione straordinaria tende, come quella ordinaria , alla conservazione del bene comune ma, al contrario di quest’ultima, la supera per valore o importanza speciale come , ad esempio, rifare il tetto o le facciate, la sostituzione dell’ascensore, ovverosia tutti quei lavori che oltrepassano  i normali interventi periodici compiuti sull’edificio per evitarne il lento e quotidiano logorio naturale.

La legge stabilisce che spetta al condominio di deliberare ed eseguire le opere di riparazione e manutenzione a tutela delle proprietà comuni per evitare possibili danni alle proprietà esclusive dei condomini o di terzi.

L’art. 1135 comma 2 c.c., però, permette all’amministratore di ordinare lavori di straordinaria amministrazione purché rivestano il carattere di urgenza, senza che vi sia una preesistente approvazione in assemblea, imponendogli solo l’obbligo di riferire prima in assemblea. Continua a leggere “Lavori straordinari : ecco cosa bisogna sapere”

Vendere alimenti diversi da quelli dichiarati è frode in commercio

Cibo

 

Quando ci rechiamo al supermercato , dal fruttivendolo , dal salumiere , dal panettiere o dal pescivendolo, confidiamo che la merce che acquistiamo sia di buona qualità nutrizionale ed igienicamente sicura.

 

Purtroppo  , al giorno d’oggi , la vendita di prodotti  che hanno delle indicazioni del luogo di produzione e confezionamento diverse da quelle reali (si pensi all’apposizione sul confezionamento di un prodotto industriale del marchio “CE” contraffatto) o di prodotti alimentari surgelati venduti come freschi , è un fenomeno abbastanza frequente  che danneggia il consumatore .

 

Ebbene, in questi casi, non si può parlare di un’alterazione delle qualità dell’alimento tale da renderlo nocivo, ma  di un Continua a leggere “Vendere alimenti diversi da quelli dichiarati è frode in commercio”

Ascensori: ecco come ripartire le spese

Ascensore

L’ascensore è mantenuto dai proprietari degli appartamenti a cui serve :ma pagano tutti in modo uguale? Scopriamolo insieme

Gli ascensori sono opere che, pur rientrando tra i veni comuni e indivisibili di uno stabile in condominio ( come la scala, il tetto ecc.) , vengono destinati a scopi di utilità comune e, quindi, considerati comuni indipendentemente dall’uso e dal godimento che può o vuol farne ciascun condomino.

L’impianto ascensore comprende non solo la cabina, i macchinari installati al basso e sulla sommità del vano dell’ascensore, i contrappesi, le guide , le catene, le funi gli apparecchi di sicurezza, i cavi elettrici ed ogni altro accessorio che serve al suo funzionamento.

L’installazione di un ascensore nell’edificio condominiale può essere effettuata o prima della costituzione del condominio, appartenendo a tutti i condomini indipendentemente dall’uso che ne fanno o ne possono fare, oppure installato in un secondo momento per Continua a leggere “Ascensori: ecco come ripartire le spese”

Patteggiamento penale e giudizio civile

Giudice

Quali conseguenze civili ha una sentenza di condanna patteggiata ?

 

La sentenza di patteggiamento ex art 444 c.p.p. , è un accordo tra il P.M. e l’imputato con il quale si chiede al Giudice penale di applicare una pena (sostitutiva o pena pecuniaria  o detentiva) con lo “sconto” della diminuzione fino ad un terzo.

Anche se non è paragonabile ad una sentenza penale di condanna ex art. 651 c.p.p. (in considerazione del “profilo negoziale che la caratterizza  poiché  non fondata sull’accertamento pieno della responsabilità dell’imputato” sent. Corte Cost. 11 dicembre 1995, n.499) , può costituire , tuttavia, un elemento di prova di responsabilità nella ricostruzione dei fatti in un giudizio civile.

Pertanto, la sentenza di patteggiamento non è vincolante per il giudice civile ma può essere da quest’ultimo liberamente valutata in Continua a leggere “Patteggiamento penale e giudizio civile”